“Gran’ mas I’ve never had” – Precious Bryany – Algia Mae Hinton – i dischi che ti cambiano dopo l’ascolto, a me cambiano a voi non so provate ad ascoltare e a cambiare.

Secondo alcuni puristi, un* ver* blueswo-man è un* blueswo-man mort*. Il vero blues è morto quando l’LP ha sostituito i 78 giri, o quando i giovani capelloni britannici hanno iniziato a farci i medley nei primi anni ’60, o quando è morto Blind Willie Johnson, o quando è morto Muddy Waters, o quando morì John Lee Hooker o quando è nato Popa Chubby. Decidetelo voi, io ho la mia personale opinione.

Nel disco proposto oggi parliamo di due vere-blueswomen d’eccezione che da poco ci hanno lasciato senza che per fortuna nessuno abbia pianto le solite lacrime di coccodrillo su facebook.

disco front

Sotto il portico di una casa, davanti a una roulotte secolare in rovina, siedono chitarra in mano, due donne-nonne anziane, Precious Bryant e Algia Mae Hinton. Hanno suonato per tutta la vita, evocando gli spiriti dei vivi, dei morti e il formicolio della pioggia sulla lamiere delle capanne dove hanno vissuto. Umili e gentili, per nulla toccate dal mezzo secolo di cambiamenti, hanno continuato imperterrite a cantare i loro blues senza tempo, un suono fatto di pochi accordi che scaldano l’anima con trame malinconiche di gioia.

foto1Precious Bryant, nata nella contea di Talbot, in Georgia, il 4 gennaio 1942 è cresciuta in una famiglia di musicisti blues-spiritual e ha presto sviluppato il suo stile. Negli anni ’90, ha suonato al Newport Folk Festival e ha anche fatto alcuni concerti in Europa, ma per lo più è rimasta in Georgia e nelle aree circostanti dove vive ancora nella sua storica roulotte immersa in mezzo ai boschi.

foto2Algia Mae Hinton è nata in una famiglia di agricoltori nella Contea di Johnston in Carolina del Nord, il 29 agosto 1929. Fin da bambina è stata messa al lavoro nei campi, all’età di 9 anni sua mamma le ha insegnato a suonare la chitarra. Dopo la prematura morte del marito è riuscita da sola a crescere la bellezza di ben 7 figli. Nonostante le innumerevoli difficoltà gli ha trasmesso l’amore per la musica che è diventata uno strumento di conforto fondamentale per tutti loro.

disco back

Questi sono i dischi che ti cambiano dopo l’ascolto, a me cambiano a voi non so provate ad ascoltare a cambiare.

Precious Bryant / Algia Mae Hinton ‎– Gran’mas I’ve Never Had (Moi J’Connais Records – 2012)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...